Telegram, alternativa credibile?

telegram iconSempre più persone sembrano essere d’accordo sul fatto che Telegram stia diventando un’alternativa credibile a Whatsapp ed altri applicativi di messaggistica istantanea. In barba alle più fosche previsioni!

Non ricordo già più come ho scoperto questa app, ma già da qualche mese ne parlavo sui social network; tra le varie reazioni quella che più condividevo, direi quasi rassegnato, dava il servizio per insignificante, già spacciato in partenza; come competere con Whatsapp? Eppure in questi giorni l’afflusso di utenti è stato massiccio, più di 10 milioni nell’ultimo mese, un successo che, come testimoniano alcuni tweet ufficiali dal team responsabile del progetto, nemmeno gli sviluppatori si aspettavano, soprattutto in Europa.

tweet telegram 1tweet telegram 2Altri sono i tweet di questo tenore, intervallati da notizie che vedono Telegram come app in testa in molti paesi, come Olanda, Spagna, Germania, Austria, Svizzera. In poche parole, quindi, il vecchio continente sembra in rapido passaggio verso questa alternativa, in barba a chi sosteneva (me compreso) che avrebbe prevalso l’inerzia del su-whatsapp-ci-sono-tutti-i-miei-amici-non-vedo-perché-dovrei-cambiare ed analoghe variazioni su questo tema.

Le ragioni? Sarà, come scherzosamente dicevo qualche giorno fa, che la gente non si fida dei nuovi proprietari di Whatsapp (a proposito, sapevate che l’ha comprata Facebook?); oppure sono ancora tanti gli scontenti del canone annuale di Whatsapp? E, si badi bene, non credo che la ragione del malcontento sia il (probabilmente giusto) canone annuale, ma il modo in cui è stato “propinato”, che specie in Italia dovrebbe ricordare un altro canone non troppo ben digerito…

Ma forse a vincere sono i punti forti di Telegram: sicurezza, velocità (tranne in questi giorni di adattamento dei server alla nuova mole di utenti), possibilità di caricare file di qualsiasi dimensione (vale la stessa momentanea scusa di sopra), servizio cloud based (potete “messaggiare” sia da telefono che da computer) gratuità, libertà e rispetto della privacy; da notare che quest’ultimo punto viene a trovarsi nella lista dei punti di forza di molti progetti che ultimamente hanno un certo successo; due esempi su tutti: GNU/Linux (che non può mai mancare <3) e Duckduckgo.

Vi consiglio di provare a sbirciare il sito, questa app potrebbe seriamente incuriosirvi!